Skip to content
Pubblicato inGenitori

Le coliche o colichette nei neonati: cosa fare?

Le coliche nei neonati si presentano solitamente dopo le prime due-tre settimane di vita e si risolvono in qualche mese. Come riconoscerle, affrontarle e trattarle

Le coliche gassose nei neonati sono un disturbo molto frequente che colpisce dal 10% al 30% dei neonati e che molti genitori si trovano ad affrontare nei primi mesi di vita.

È una condizione del tutto benigna e transitoria che si presenta dopo 2-3 settimane dalla nascita e che, in genere,si risolve spontaneamente entro il terzo-quarto mese di vita. Le coliche si manifestano con crisi di pianto inconsolabile, che insorgono più di frequente nelle ore serali, ma possono manifestarsi anche in altri momenti della giornata.

Prenota una visita pediatrica

Che cosa sono le coliche nei neonati?

↑ top

Per consuetudine, ci si riferisce con il termine “colica” al mal di pancia legato alla presenza di gas intestinali. Sembra, tuttavia, che questo fenomeno possa essere una conseguenza del pianto piuttosto che una causa.

Volendo essere più corretti, la colica è dovuta al pianto, non al mal di pancia. Va specificato, infatti, che il pianto di un neonato è un atto di particolare complessità, che implica risposte che interessano l’intero organismo e non solamente determinati muscoli, come quelli responsabili delle espressioni facciali. Quando un neonato piange, in altre parole, lo fa attivando tutto il corpo: nel farlo, potrebbe emettere aria.

L’aria è presente nel tubo digerente di ciascun essere umano di qualsiasi età, specialmente in quello di un neonato, abituato a nutrirsi di latte ricco di lattosio, uno zucchero che fermenta con facilità. Soltanto in qualche caso, però, l’aria può arrivare a causare dolore: succede, per esempio, in presenza di una colite, vale a dire quando le pareti sono irritate o infiammate.

Non si può dunque imputare alla presenza d’aria il comportamento di quei neonati che, con l’avvicinarsi della sera, iniziano ad avere le coliche. Spesso si calmano facendo un giro in macchina oppure si abbandonano al sonno insieme ai genitori, per poi ricadere nella stessa dinamica la sera successiva.

Nel corso degli anni sono stati identificati come possibili cause delle coliche gassose diversi fattori, ma nessuno di questi è stato davvero dimostrato.

Come si capisce se sono coliche neonato? Sintomi e segni

↑ top

Si può ipotizzare che il piccolo soffra di coliche gassose se rispetta la cosiddetta regola del 3, coniata negli anni ’50 dal pediatra dott. Wessel. Precisamente, si tratta di coliche se ci troviamo davanti a un lattante sano, ben nutrito, che piange:

  • per più di 3 ore al giorno
  • per più di 3 giorni alla settimana
  • per più di 3 settimane consecutive.

Altri segnali nel neonato che possono aiutare a riconoscere le coliche includono:

  • un improvviso pianto senza una causa apparente
  • agitazione
  • pugni stretti e conseguente sbiancamento della pelle delle mani
  • flessione delle gambe verso l’addome
  • tentativi di confortare il neonato con l’allattamento o il ciuccio che non recano sollievo
  • tra un episodio di pianto e l’altro, il neonato può occasionalmente calmarsi, addormentarsi o emettere gas che mitiga il fastidio.

Quanto durano le coliche dei neonati? E quando finiscono?

↑ top

Le coliche solitamente iniziano nei primi giorni dopo la nascita e raggiungono il loro massimo verso la sesta-ottava settimana di vita del neonato, per poi gradualmente diminuire intorno al terzo o quarto mese. Questo comportamento è comune in molti bambini, fino al 28% di loro, durante i primi 3 mesi di vita.

Il pianto associato alle coliche può variare notevolmente da un bambino all’altro. Alcuni bambini possono piangere per più di 5 ore, il che può mettere a dura prova la pazienza dei genitori.

Quali sono le cause delle coliche nei neonati?

↑ top

Le cause che scatenano le coliche sono tutt’oggi sconosciute. Alcuni ritengono che siano dovute a un eccessivo contenuto di aria che determina una dilatazione delle anse intestinali, causando dolore. Altri ritengono, invece, che alla base vi sia un alterato rapporto mamma-bambino. Infine, si pensa siano scatenate da dinamiche psicologiche, in particolare dall’incapacità del lattante di controllare le proprie emozioni o di adattarsi ai numerosi stimoli esterni

Ci sono cibi da evitare?

↑ top

Spesso il problema delle coliche è stato ricondotto a fattori di carattere alimentare.

Nei bambini allattati con latte artificiale è stata chiamata in causa una possibile allergia alimentare, anche se, in realtà, è ipotizzabile solo se in concomitanza compare eczema o se almeno un familiare di primo grado abbia un’allergia attestata. In questo caso, sarà il pediatra a prescrivere eventualmente appositi latti che riducano questo disturbo. Allo stesso modo, il pediatra potrà valutare i casi in cui possa essere presente un’allergia, suggerendo latti speciali.

Nei bambini allattati al seno, invece, soprattutto negli anni passati, veniva consigliata alla mamma una dieta “di eliminazione” (latte e derivati e altri alimenti potenzialmente allergizzanti), ma studi successivi non hanno evidenziato un beneficio sufficiente a giustificare una dieta spesso molto ristretta.

Prenota una visita pediatrica

Come si fa a far passare le coliche ai neonati? Strategie e rimedi

↑ top

Cosa fare in caso di coliche nei neonati? Come si è detto in apertura, nella maggioranza dei casi, le coliche scompaiono entro i tre-quattro mesi di vita del piccolo senza necessità di trattamenti mirati. Nel frattempo si possono tentare diversi approcci volti ad attenuare il disturbo.

Rimedi naturali

↑ top

Ecco alcuni suggerimenti per stare vicino a un neonato che piange:

  • tenerlo petto contro petto, in una fascia, e passeggiare
  • massaggiarlo con dolcezza, anche tenendolo a pancia in giù, poggiato sul proprio braccio
  • cantare una canzone che conosce
  • abbracciarlo e cullarlo cantandogli una ninna nanna
  • parlargli mantenendo un tono di voce affettuoso
  • limitare gli stimoli visivi, uditivi e tattili così da offrirgli un ambiente tranquillo
  • ricorrere allo swaddling, la fasciatura del neonato, che, se correttamente eseguita, offre l’opportunità di contenere le crisi di pianto e non implica rischi o controindicazioni di ordine medico

Tranquillità è la parola chiave: spesso il pianto inconsolabile stressa molto i genitori che non sanno come affrontarlo, sentendosi frustrati e nervosi; però, più il piccolo avvertirà ansia e tensione, più il suo pianto diverrà inconsolabile!

Come massaggiare un neonato con coliche?

↑ top

Il massaggio neonatale può essere utile per alleviare il disagio causato dalle coliche. Questo tipo di massaggio può comprendere diverse tecniche, tra cui:

  • rotazioni in senso orario delle mani
  • applicazione di una pressione moderata
  • flessione delle gambe verso l’addome

È consigliabile praticare questi massaggi in modo preventivo, quando il bambino è calmo, ad esempio durante il cambio del pannolino, 2 o 3 volte al giorno. Quando il bambino è in preda al disagio delle coliche e piange intensamente, può essere di aiuto prenderlo in braccio con il pancino rivolto verso il basso e cullarlo con movimenti delicati. Inoltre, il contatto con la mano calda di un adulto sulla zona addominale del neonato può apportare sollievo.

Sondino rettale

↑ top

Il sondino rettale per neonato (acquistabile in farmacia) può essere di sollievo; va posizionato nel sederino per una lunghezza di circa 2 cm ed eventualmente lasciato in sede, chiudendo il pannolino: questo permette che il piccolo “elimini” l’aria.

Farmaci

↑ top

Soprattutto negli anni passati sono stati proposti diversi farmaci allo scopo di attenuare il fastidioso problema delle coliche nei neonati. Per lungo tempo è stato utilizzato il Simeticone in gocce (Mylicon) che dovrebbe agire andando a ridurre la quantità d’aria intestinale. Più di recente sono stati introdotti in commercio alcuni farmaci fitoterapici contenenti finocchietto, melissa, passiflora, camomilla, tiglio e simili, che tuttavia non sempre assicurano risultati apprezzabili, e comunque devono essere sempre prescritti dal pediatra.

Esistono, al contrario, studi interessanti sull’utilizzo di probiotici, specie il Lactobacillus Reuterii. Nei piccoli affetti da coliche gassose, è stato infatti ipotizzato che sia presente un problema di disbiosi, ossia di alterazione del microbiota intestinale che troverebbe beneficio, appunto, nell’uso di questi farmaci che sembrano favorire la motilità intestinale.