Come combattere l’obesità infantile

//Come combattere l’obesità infantile

Come combattere l’obesità infantile

  • obesità infantile come combatterla

L'obesità infantile è diffusa in Italia, come nel resto dei Paesi industrializzati. Combatterla è possibile, così da prevenire l'insorgenza di patologie legate ad essa.

L’obesità infantile è un problema. Il numero di bambini obesi, oltre che di bambini che soffrono di sovrappeso, è un dato in continua crescita nei Paesi industrializzati e non solo. Si parla sul piano globale di 1 persona su 8 con problemi di obesità e, al versante opposto, 1 persona su 9 che soffre di fame.

Prevenire l’obesità infantile è diventato un imperativo. Cattiva alimentazione e stili di vita sani per nulla seguiti sono i primi due fattori da contrastare. Per prevenire l’obesità infantile, in ogni caso, basta il buon esempio dei genitori e del sano buon senso. Ce ne parla Ilaria Goria, Biologa Nutrizionista del Centro Medico Santagostino.

Prenota una visita nutrizione pediatrica

L’obesità infantile in cifre

Il quadro risulta particolarmente severo quando si parla di età pediatrica. I dati del 2017 parlano di quella che l’OMS definisce senza mezzi termini una tra le epidemie più gravi del terzo millennio.

Su scala mondiale, il 5,6% dei bambini con età inferiore ai 5 anni è in sovrappeso; si tratta di un numero che corrisponde a circa 38,3 milioni di bambini. A questo dato si aggiungono altri due dati:

Questi fattori, combinati tra loro, gettano le basi per l’insorgenza di malattie croniche non trasmissibili. Facciamo riferimento a patologie quali:

L’insorgenza del diabete di tipo 2 e dell’ipertensione sta interessando anche bambini e adolescenti, categorie finora non particolarmente interessate da queste specifiche patologie.

Si aggiunga come, di norma, i bambini dei Paesi industrializzati trascorrano dalle 2 alle 3 al giorno davanti a uno schermo, sostanzialmente ogni giorno: la sedentarietà è un fattore di rischio che deve essere contrastato.

Obesità infantile in Italia

Per quanto riguarda l’Italia, è attivo il progetto OKkio alla Salute, la cui ultima indagine nazionale, risalente al 2019 e presentata a Roma nel novembre 2020, ha interessato oltre 50.000 bambini della terza classe della scuola primaria.

Da questa indagine è emerso come il 20,4% dei bambini è sovrappeso, e il 9,4% è obeso, con la specifica che i valori di obesità dei maschi sono di poco superiori rispetto all’obesità femminile, mentre le regioni del Sud vendono valori più alti, di eccesso ponderale, sia per i maschi che per le femmine.

Obesità infantile, una definizione

L’obesità può avere origine, in termini molto diretti, quando l’intake calorico di un individuo supera di gran lunga il fabbisogno del suo organismo.

L’obesità nei bambini, come negli adulti, non è tuttavia una patologia riconducibile esclusivamente al cattivo regime alimentare. Può essere meglio definita come una patologia dalla genesi multifattoriale: sono circa 50 le forme di obesità, per fare un esempio, che possono essere associate a sindromi di tipo genetico, come la Sindrome di Down o la Sindrome di Prader Will.

Quando un bambino si considera obeso?

Tanto il sovrappeso quanto l’obesità vengono valutati per mezzo dell’Indice di Massa Corporea (IMC), in inglese Body Mass Index (BMI). L’IMC viene calcolato attraverso la divisione del proprio peso corporeo, in chilogrammi, per il quadrato dell’altezza, in metri.

Secondo le indicazioni dell’OMS:

  • con un IMC uguale o maggiore di 25 si ha sovrappeso
  • con un IMC uguale o maggiore di 30 si ha obesità.

Per i bambini, poi, entrano in gioco diversi parametri, oltre all’IMC, che comunque varia in base all’età e al sesso. Meglio sarebbe usare come riferimento le curve di crescita presenti sul sito dell’OMS.

In che modo contrastare l’obesità infantile?

Le buone abitudini alimentari dei bambini partono dai consigli, e soprattutto gli esempi, dei genitori. E il primo consiglio da dare alle madri è quello di allattare il proprio bambino in modo esclusivo i primi 6 mesi, tenendo conto del fatto che l’allattamento materno dovrebbe arrivare ai 2 anni.

Dopo lo svezzamento, i genitori dovrebbero impartire ai propri figli una giusta educazione alimentare, una educazione che preveda anche esercizio fisico.

Una giusta educazione alimentare

Il bambino ha bisogno di regolarità. Fondamentale dunque un’alimentazione giornaliera che sia divisa in quattro pasti regolari, composti da alimenti freschi, sani e naturali, non da “sostituzioni industriali”. La spremuta, per esempio, è sempre preferibile al succo di frutta all’arancia, le bevande zuccherate vanno evitate.

Già la prima colazione deve prevedere del latte, vaccino oppure vegetale, con pochi cucchiai di cereali e un frutto. Se il bambino non vuole fare colazione, si compenserà con la merenda: due biscotti accompagnati da uno yogurt da bere e due biscotti. Nella merenda non vanno superate le 150kcal.

Se il bambino trascorre il pranzo a mensa, nella cena vanno evitati gli alimenti assunti durante il pranzo. Tra le regole per combattere l’obesità infantile, poi, si possono aggiungere le seguenti indicazioni:

  • mangiare insieme al proprio bambino
  • non insistere se a volte un bambino rifiuta il cibo
  • mai usare il cibo come strumento di gratificazione o ricatto.

Prenota una visita nutrizione pediatrica

Movimento e attività fisica

Nei primi tre anni di vita sviluppo celebrale e movimento sono in stretta correlazione. È bene dunque mettere da parte il passeggino appena possibile, ovvero intorno ai 2 anni di età.

La sedentarietà va assolutamente scongiurata, con lo sport o con qualsiasi altra attività che metta in movimento un organismo che ha bisogno di crescere in modo sano con una alimentazione altrettanto sana.

2022-05-17T16:29:21+02:00 16 Maggio 2022|Categories: Famiglia|2 Comments

2 Comments

  1. […] di spuntini e può interferire con il sonno, la cui mancanza è un fattore di rischio noto per l’obesità. Dai dati 2016 di OKkio alla SALUTE si evince che in Italia il 44% dei bambini ha la TV nella […]

  2. […] più gravi del Terzo Millennio: così l’Organizzazione mondiale della sanità definisce l’obesità. Parole forti, che hanno l’obiettivo di far prendere coscienza del problema per porvi rimedio […]

Commenti disabilitati