Con lo stress aumentano i problemi cardiaci e il rischio di ipertensione (anche in pazienti sani)

//Con lo stress aumentano i problemi cardiaci e il rischio di ipertensione (anche in pazienti sani)

Con lo stress aumentano i problemi cardiaci e il rischio di ipertensione (anche in pazienti sani)

Lo conferma una nuova ricerca pubblicata sulla rivista Hypertension, condotta dal team dell’epidemiologo Kosuke Inoue dell’Università di Kyoto

Lo stress può causare ipertensione e problemi cardiaci, anche in persone inizialmente sane.

La conferma che uno stato alterato della propria psiche faccia male alla salute arriva da un nuovo studio pubblicato sulla rivista Hypertension. L’indagine, condotta dal team dell’epidemiologo Kosuke Inoue dell’Università di Kyoto, è la prima a valutare quale impatto possa avere lo stress sullo stato di salute di persone senza ipertensione e problemi cardiaci pregressi.

L’impostazione dello studio

Lo studio ha coinvolto un totale di 412 persone, di età compresa tra i 48 e gli 87 anni, con pressione sanguigna normale. A tutti loro è stata misurata la concentrazione nelle urine degli ormoni associati allo stress in momenti diversi nell’arco di tempo che va dal 2005 al 2018.

I ricercatori hanno testato, in particolare, quattro ormoni:

  1. noradrenalina
  2. epinefrina
  3. dopamina
  4. cortisolo.

Questi regolano il sistema nervoso autonomo e controllano le funzioni involontarie del corpo come respirazione, pressione sanguigna e frequenza cardiaca.

Dopodiché, i ricercatori hanno confrontato i livelli ormonali con le concentrazioni associate a rischio cardiovascolare.

«Le ricerche precedenti – ha spiegato l’autore dello studio, il dottor Inoue – si sono concentrate sul rapporto tra i livelli degli ormoni dello stress e l’ipertensione o gli eventi cardiovascolari in pazienti che già soffrivano di ipertensione. Tuttavia, mancava ancora uno studio su adulti senza ipertensione».

Il rischio di ipertensione può crescere del 31% a causa dello stress

Dallo studio è emerso che il raddoppio dei livelli di cortisolo sarebbe associato, su un periodo medio di più di 11 anni, ad un rischio del 90% superiore al normale di incorrere in un evento cardiovascolare. Il cortisolo è un ormone di tipo steroideo. L’organismo lo rilascia in risposta ad una fonte di stress acuto come può essere una situazione di pericolo. Eliminato il motivo di tensione, la produzione di cortisolo dovrebbe ridursi, ma se lo stress è continuo la sua concentrazione può rimanere a livelli elevati.

Anche il raddoppio dei livelli combinati di noradrenalina, epinefrina, dopamina e cortisolo comporterebbe un aumento del rischio di ipertensione. Su un arco di tempo medio di sei anni e mezzo, in particolare, l’incremento percentuale sarebbe compreso tra il 21 e il 31%. «Noradrenalina, epinefrina, dopamina e cortisolo – ha spiegato Inoue – possono aumentare in risposta allo stress determinato da eventi della vita, dal lavoro, dalle relazioni, finanze e altro».

I partecipanti allo studio di età inferiore ai 60 anni hanno fatto registrare un effetto più pronunciato dell’aumento della concentrazione degli ormoni dello stress. L’ipotesi dei ricercatori è che gli ormoni dello stress svolgano un ruolo critico nello sviluppo di ipertensione tra la popolazione più giovane.

Foto di Thomas H. da Pixabay

2021-09-17T17:17:48+02:00 17 Settembre 2021|Categories: Salute|0 Commenti