Occhi d’estate e raggi UV: come proteggerli al meglio

//Occhi d’estate e raggi UV: come proteggerli al meglio

Occhi d’estate e raggi UV: come proteggerli al meglio

  • come proteggere gli occhi dai raggi uv

Sole e raggi UV, aria condizionata o sabbia: durante i mesi estivi i nostri occhi vengono messi a dura prova. I consigli dell'oculista per proteggerli al meglio

Non solo la pelle, anche i nostri occhi vengono messi a dura prova durante i mesi estivi: sole/raggi uv, aria condizionata e agenti esterni possono infatti provocare fastidiosi disturbi come rossore, prurito fino ad arrivare a congiuntiviti e a problemi più gravi. 

Se non corriamo ai dovuti ripari, l’esposizione al sole e i raggi UV possono danneggiare le cellule. Infatti, se la maggior parte della luce ultravioletta prodotta dal sole non fosse filtrata dall’atmosfera, la Terra non sarebbe in grado di sostenere la vita. Per gli esseri umani, l’abbronzatura e le scottature solari sono effetti familiari dell’esposizione della pelle ai raggi UV. A questi si associa inoltre un aumento del rischio di cancro della pelle.

La luce ultravioletta è caratterizzata da una lunghezza d’onda particolare. Questa può danneggiare le cellule dello strato corneo. Ciò può verificarsi, ad esempio, quando un fotone di luce UV lo colpisce direttamente. 

In questi casi, l‘esposizione ai raggi uv può indurre mutazioni nel DNA che, accumulandosi, rischiano di generare una catena di eventi in grado di causare tumori cutanei.

Della radiazione ultravioletta che raggiunge la superficie terrestre, più del 95% è costituito dalle lunghezze d’onda dei raggi UVA, il resto da raggi UVB; la frazione di UVB che rimane nella radiazione dopo aver attraversato l’atmosfera dipende fortemente dalla copertura nuvolosa e dalle condizioni atmosferiche.

Come proteggere gli occhi dai raggi UV?

Ecco alcuni preziosi consigli per proteggere i nostri occhi dai raggi ultravioletti e mantenere una vista in salute e protetta anche sotto l’ombrellone.

1. Limitare i raggi UV.

Regola numero uno: una prolungata esposizione ai raggi solari può essere molto dannosa per gli occhi. Numerose ricerche hanno stabilito una correlazione tra tempo di esposizione ai raggi UV e le patologie lacrimali a lungo termine, come la cataratta o le degenerazioni retiniche. Necessario quindi evitare di esporsi al sole durante le ore più calde della giornata e comunque mai senza un adeguato occhiale da sole, meglio se avvolgente, in grado di ridurre molti degli effetti negativi di un’esposizione prolungata.

2. Attenzione agli occhiali da sole.

Stare sotto all’ombrellone al riparo dai raggi cocenti del sole non è sufficiente per proteggere la nostra vista, perché acqua e sabbia creano un forte riflesso che può darci molto fastidio. È importante proteggere sempre la nostra vista con un bel paio di occhiali da sole.
In commercio se ne trovano a migliaia, di tutte le forme e dimensioni. Ma soprattutto con diversi tipi di filtro, da un minimo di 1 a un massimo di 5 a seconda delle condizioni di luce e dei riverberi che possono essere più o meno intensi.
Qualsiasi occhiale da sole con marchio CE fornisce un filtro protettivo per i nostri occhi, ma attenzione: il marchio, per essere autentico, deve avere uno spazio tra le due lettere sufficiente a contenere l’altra metà di C. Al Centro Medico Santagostino puoi acquistare occhiali da sole graduati a partire da 80 euro

3. Limitare l’aria condizionata.

Così come il sole e il vento, anche l’aria condizionata può determinare l’alterazione del film lacrimale e del corpo vitreo, il gel presente nei nostri occhi che li mantiene ben idratati. Questa alterazione può causare occhi rossi, secchezza e provocare una fastidiosa sensazione di “sabbiolina” negli occhi.

4. Limitare le lenti a contatto.

Il prolungato uso di lenti a contatto associato all’aumento delle temperature può generare alterazioni del film lacrimale e favorire l’insorgenza di infezioni corneali, come le cheratiti. È fondamentale quindi l’utilizzo di lacrime artificiali, così da ripristinare la componente acquosa del film lacrimale.

5. Non strofinarsi gli occhi, soprattutto con le mani sporche di sabbia.

La sabbia è infatti un veicolo di batteri che, soprattutto quando i nostri occhi sono già “stressati” dal sole, possono provocare congiuntiviti allergiche o attiniche (da esposizione ai raggi UV). La congiuntivite si manifesta con occhi rossi, prurito e lacrimazioni abbondanti, mentre la secrezione non sempre è presente.

6. Sì a frutta e verdura.

La frutta e la verdura contribuiscono al benessere del nostro organismo e dei nostri occhi. Sono da prediligere verdure e frutti rossi e arancioni, in quanto ricchi di carotenoidi indispensabili per il benessere della vista. Luteina e zeaxantina sono invece fondamentali per la prevenzione delle degenerazioni retiniche e sono presenti nei piselli, zucchine, lattuga, spinaci e molti altri ortaggi di stagione. Via libera quindi a freschi frullati di frutta e verdura!

7. Acqua in abbondanza.

Da non dimenticare, come sempre, di mantenere una buona idratazione, poiché gran parte dei problemi estivi legati alla vista sono collegati alla disidratazione del film lacrimale. Bere almeno 2 litri di acqua al giorno è fondamentale per mantenere anche la nostra vista in perfetta salute.

2021-05-31T11:36:06+02:00 31 Maggio 2021|Categories: Salute|0 Commenti