Catetere vescicale, cos’è e come funziona

//Catetere vescicale, cos’è e come funziona

Catetere vescicale, cos’è e come funziona

Come viene posizionato, come si differenziano le diverse tipologie in base a caratteristiche come la lunghezza, il materiale e il calibro. Quali sono i motivi più comuni per cui si ricorre al cateterismo vescicale. Tutte le risposte del medico specialista

Il catetere vescicale è un tubicino sterile che viene posizionato in vescica per via transuretrale (attraverso l’uretra) o per via sovrapubica (tramite un foro praticato sull’addome). La via transuretrale è sicuramente quella più utilizzata.

Esistono diversi tipi di catetere vescicale, che possono essere distinti in base al calibro, al numero di vie, al tipo di materiale e al tipo di punta.

Come funziona il catetere vescicale

Il calibro è standardizzato in unità French (F) note anche come unità Charrière (Ch). Le misure variano da 12 a 24 F per gli adulti e da 8 a 12 F per i bambini.

Il numero di vie permette di differenziare i cateteri:

  • ad una via (un’unica via per il deflusso delle urine)
  • a due vie (una via per il deflusso delle urine e una via per la distensione di un palloncino per l’ancoraggio in vescica)
  • a tre vie (una via per il drenaggio, una per l’ancoraggio e una terza per consentire l’irrigazione vescicale)

Si possono trovare cateteri dei seguenti materiali:

  • lattice (indicati per i cateterismi a breve termine essendo il lattice un materiale che può dare allergia o irritazione)
  • hydrogel (fatti in lattice ma con rivestimento esterno in hydrogel così da renderne possibile l’applicazione anche in persone allergiche)
  • silicone (morbidi, ad elevata biocompatibilità, ideali per il cateterismo a lungo termine)
  • PVC (a basso rischio di irritazione, indicati nel cateterismo intermittente)

Riguardo alle caratteristiche della punta alcuni esempi sono: il catetere tipo Foley (molle e confortevole, il più utilizzato), il catetere Nelaton (utilizzato soprattutto nella donna), il catetere Couvelaire (semirigido, utilizzato soprattutto in caso di emorragia vescicale o dopo prostatectomia radicale) e il catetere Dufour (semirigido, indicato in caso di tamponamento vescicale).

Catetere vescicale uomo: c’è differenza con quello femminile?

L’uretra femminile è più breve di quella maschile e più facilmente distensibile, l’uretra maschile è più lunga e stretta.
Sulla base di queste differenze quindi il catetere vescicale può variare tra maschio e femmina per lunghezza e calibro mentre non ci sono differenze per quanto riguarda le altre caratteristiche ed il metodo di inserimento è fondamentalmente il medesimo per entrambi.

Quali sono le indicazioni al cateterismo vescicale?

Il posizionamento del catetere vescicale avviene solitamente per i seguenti motivi:

  • risolvere una ritenzione urinaria acuta o cronica (che può comportare la formazione del globo vescicale, ossia la distensione anomala della vescica dovuta all’aumento di volume dell’urina)
  • risolvere un’incontinenza urinaria
  • monitorare la diuresi nei pazienti critici
  • dopo alcuni interventi chirurgici
  • ottenere urina per esami diagnostici
  • immettere mezzi di contrasto o farmaci direttamente in vescica
  • irrigare la vescica

Per quanto tempo può rimanere in sede il catetere vescicale?

Il cateterismo vescicale può essere a breve permanenza (il catetere rimane in sede meno di 2 settimane), a lunga permanenza (il catetere rimane in sede più di 2 settimane) oppure intermittente (il catetere viene rimosso dopo ogni cateterismo).

A seconda del tipo di cateterismo da effettuare vengono utilizzati cateteri con determinate caratteristiche (selezionati per materiale, punta etc.) e, nel caso ad esempio di cateterismo a lunga permanenza, il catetere viene periodicamente sostituito.

Per quanto riguarda invece il cateterismo intermittente è possibile optare per l’autocateterismo: la persona si inserisce il catetere per via transuretrale autonomamente, così da permettere lo svuotamento completo della vescica. È una manovra che va effettuata più volte al giorno, in maniera autonoma e al domicilio. Questo tipo di cateterismo ha il grosso vantaggio di evitare il disagio di un cateterismo a permanenza.

Esistono delle complicanze associate al catetere vescicale?

Le principali complicanze che possono occorrere in corso di cateterismo vescicale sono le infezioni delle vie urinarie e i traumi uretrali e/o vescicali.

Per ridurre al minimo il rischio di complicanze è importante ricorrere al cateterismo vescicale solo in presenza di una precisa indicazione clinica e rimuoverlo non appena l’indicazione all’uso venga a mancare.

È inoltre importante rispettare tutte le procedure di igiene per l’inserimento e la gestione del catetere, come il corretto lavaggio delle mani e l’utilizzo di attrezzatura sterile.
Essenziale infine controllare sempre che il catetere sia in posizione corretta.

È doloroso l’inserimento del catetere vescicale?

Il cateterismo transuretrale solitamente non è doloroso. Si può avvertire fastidio e bruciore durante l’inserimento o la rimozione del catetere. Questi sintomi sono solitamente più comuni negli uomini rispetto alle donne perché l’uretra maschile è più lunga.
Il cateterismo sovrapubico prevede invece un intervento chirurgico della durata solitamente di circa 30 minuti, eseguito in anestesia locale o generale.

Come stimolare la vescica dopo un cateterismo?

Dopo un cateterismo vescicale, specie se di lunga durata, possono insorgere difficoltà nella ripresa di una diuresi spontanea.
Per stimolare la minzione, a seconda delle situazioni, si può ricorrere a farmaci (ad esempio alfalitici) oppure ad alcuni “trucchi” come porre una borsa di ghiaccio sull’addome.
Talvolta è necessario affidarsi ad uno specialista per uno studio più approfondito della funzionalità vescicale ed uretrale.

Foto: Woman photo created by pressfoto – www.freepik.com

2021-03-24T17:47:21+01:00 17 Febbraio 2021|Categories: Terza età|0 Commenti