Lipoproteina A: alla scoperta del colesterolo “super cattivo”

//Lipoproteina A: alla scoperta del colesterolo “super cattivo”

Lipoproteina A: alla scoperta del colesterolo “super cattivo”

Non solo colesterolo buono e cattivo: la Lipoproteina A è un valore fondamentale quantificare il rischio cardiovascolare. Ecco di cosa si tratta e come monitorarla

Colesterolo buono e colesterolo cattivo: due facce della stessa medaglia

La lipidologia moderna ha tradizionalmente distinto il colesterolo in “buono e cattivo” in base alla densità delle lipoproteine che lo trasportano. Dato che che non esistono valori di sicurezza assoluti e che i valori limite vanno contestualizzati in base al profilo di rischio cardiovascolare del paziente, è di comune concezione la distinzione tra colesterolo “buono e cattivo”. In una famosa serie televisiva, alla domanda “Sai qual è la differenza tra il colesterolo buono e quello cattivo”, l’attore di turno rispondeva: “No, ma quello cattivo mi sembra più saporito”.

Prenota un prelievo online

Ma qual è la differenza tra i due? Possiamo dire che il colesterolo cattivo è trasportato da lipoproteine a bassa densità (LDL, low density lipoproteins) e tende a depositarsi nei vasi sanguigni formando le placche aterosclerotiche. Al contrario il colesterolo buono è trasportato da lipoproteine ad alta densità (HDL, high density lipoproteins) e funziona da “scavenger” (dall’inglese “spazzino”): rimuove il colesterolo in eccesso trasportandolo dalla periferia al fegato.

Il colesterolo “cattivissimo”: la Lipoproteina A piccola

La cinematografia moderna ci insegna che ad un certo punto la dialettica degli opposti buono/cattivo si complica con l’arrivo del “cattivissimo”. Nel nostro caso si tratta di una frazione del colesterolo LDL, anche detta “terzo colesterolo” o Lipoproteina(a) piccola.

Questo colesterolo “super cattivo” un è po’ nascosto e trascurato nei comuni screening di check-up, spesso abbreviato come Lp(a). Ma è strutturalmente assimilabile ad una LDL ma più piccola e “appiccicosa” ovvero con una maggior tendenza a depositarsi nei vasi.

A differenza delle LDL, i valori di Lipoproteina A piccola sono determinati geneticamente. Sono quindi poco influenzati dalla dieta e meno controllabili con le classiche misure farmacologiche come le statine. La probabilità di eventi cardiovascolari aumenta linearmente all’aumentare della concentrazione ematica della Lp(a), specialmente a concentrazioni > 50 mg/dl. La peculiarità della lipoproteina A, a differenze delle altre lipoproteine, è quella di associarsi maggiormente agli eventi trombotici e alle calcificazioni cardiovascolari.

Intercettare il “super cattivo”: come funziona la Lipoproteina A?

Secondo le ultime linee guida europee, la concentrazione ematica di Lp(a) dovrebbe essere testata almeno una volta nella vita. Si esegue velocemente a un costo molto contenuto, ma consente di stratificare meglio il rischio cardiovascolare individuale. Uno screening più approfondito andrebbe somministrato a coloro che hanno sofferto di eventi cardiovascolari precoci (< 55 anni per i maschi, < 65 anni per le femmine) e ai loro parenti di primo grado e ai soggetti affetti da ipercolesterolemia severa.

La lipoproteina A consente una rapida stratificazione del rischio cardiovascolare del paziente ed è poco influenzata dalla dieta. Permette quindi di individuare precocemente quei pazienti che possono beneficiare di un trattamento (e per le dislipidemie c’è solo l’imbarazzo della scelta: dagli integratori ai farmaci di ultimissima generazione). Oppure i pazienti a cui destinare metodiche di imaging per vedere la presenza di placche come il doppler dei tronchi sovra-aortici o la tac coronarica.

Lipoproteina A: un’alleata per la prevenzione

L’assioma storico della lipidologia moderna “the lower the better” (quanto più è basso il colesterolo meglio è per il paziente) è stato sostituito da “the earlier the better” (prima si abbassa il colesterolo tanto meglio è in termini di prevenzione).

In quest’ottica, la lipoproteina A ci permette di individuare precocemente quei pazienti che possono beneficiare prima e più a lungo di un trattamento (non necessariamente solo farmacologico), prevenendo la formazione o la progressione della placca. Quindi, riducendo gli eventi cardiovascolari. La Lipoproteina A rappresenta un marker importante per capire a quale paziente destinare un’eventuale terapia ipolipidemizzante (utile per abbassare i livello di colesterolo). In termini di prevenzione, tuttavia, una dieta sana ed equilibrata, povera di grassi, attività fisica regolare e corrette abitudini quotidiane restano imprescindibili.

Affidati al Santagostino per monitorare il tuo colesterolo

Le malattie cardiovascolari restano ancora la prima causa di morte nel mondo occidentale, ma sono anche le più prevenibili e trattabili con la moltitudine di terapie mediche a disposizione in prevenzione primaria e secondaria. Anche se metterci a dieta non riuscirà completamente ad abbassare i livelli di lipoproteina A, i nostri nutrizionisti, cardiologi e diabetologi sono pronti per trovare la soluzione più adeguata. Concludendo con un adattamento del regista Woody Allen alla domanda “se sia meglio amare o essere amati”, la risposta è che “non vale la pena porsi la domanda se il vostro colesterolo è troppo alto”.

Prenota un prelievo online

References:

https://www.escardio.org/static-file/Escardio/Guidelines/publications/DYSLIPguidelines-dyslipidemias-FT.pdf

2022-11-21T13:07:55+01:00 21 Novembre 2022|Categories: Salute|0 Commenti