Problemi ai polmoni: quando e perché rivolgersi ad uno specialista

//Problemi ai polmoni: quando e perché rivolgersi ad uno specialista

Problemi ai polmoni: quando e perché rivolgersi ad uno specialista

  • Dolore polmoni

Questi organi rivestono un ruolo cruciale per il nostro organismo in quanto attraverso di loro avviene lo scambio respiratorio, ossia l’introduzione dell’ossigeno e l’eliminazione dell’anidride carbonica

I polmoni sono gli organi situati nella cavità toracica che ci consentono di respirare e, quindi, sopravvivere. Sono costituiti da numerosissimi alveoli polmonari, piccole camere d’aria di forma esagonale o sferica, attraverso i quali avviene il cosiddetto scambio respiratorio: l’introduzione dell’ossigeno attraverso l’aria che respiriamo e l’eliminazione dell’anidride carbonica.

Con l’aiuto dello pneumologo del Santagostino, Marco Baroni, vediamo quali possono essere i principali problemi ai polmoni, come si manifestano a livello sintomatologico e quando è necessario rivolgersi ad uno specialista.

Prenota una visita pneumologica

Come sono fatti i polmoni?

I polmoni sono due. Il polmone destro, quello dei due più pesante, è costituito da tre lobi: superiore, medio e inferiore. Il polmone sinistro, invece, ne ha solo due (superiore e inferiore).

Il tessuto che forma questi due organi è spugnoso ed elastico e, quindi, funzionale ai movimenti di espansione e contrazione necessari per poter respirare.

I due polmoni sono separati dal mediastino, un’area compresa tra le vertebre del torace e lo sterno.

Nei polmoni confluiscono i bronchioli, ramificazioni via via più sottili che raggiungono, nel loro tratto terminale, gli alveoli polmonari. Lo scambio dei gas respiratori avviene qui, in particolare attraverso le centinaia di capillari che li circondano. Questi hanno dimensioni così piccole (5-6 micrometri) da consentire il passaggio di un solo globulo rosso. Qui il sangue si libera di anidride carbonica e si carica l’ossigeno (introdotto con l’aria respirata) che verrà distribuito attraverso la circolazione periferica in tutto l’organismo.

Dove si avverte il dolore ai polmoni?

I polmoni sono costituiti principalmente da aria e si trovano all’interno della gabbia toracica, protetti dalle costole e circondati da cute e muscoli respiratori. Quest’ultimi favoriscono i movimenti di espansione e contrazione che consentono la respirazione. Si tratta di un apparato molto complesso, per cui è difficile capire quale sia l’origine di un fastidio nel momento in cui si avverte dolore.

I cosiddetti dolori ai polmoni, spesso, non sono riconducibili a questi due organi. La gabbia toracica è, infatti, il target prevalente del sistema nervoso periferico che trasmette la sensazione di dolore.

I polmoni, inoltre, non sono innervati per cui l’eventuale fastidio ha, nella maggior parte nei casi, origine diversa. I dolori dovuti ad una specifica patologia polmonare sono molto rari.

Ciò che, invece, è estremamente innervata è la pleura, una membrana sierosa costituita da due foglietti:

  • pleura parietale che riveste i polmoni e li divide dalla parete toracica
  • pleura viscerale, aderente alla superficie polmonare interna

La sensazione di dolore può, quindi, emergere in caso di fenomeno irritativo o processo infiammatorio a carico del foglietto pleurico.

La maggior parte dei dolori toracici, però, è dovuta a problemi di natura muscolare, prevalentemente a carico dei:

  • muscoli intercostali
  • muscolo piccolo spinato
  • diaframma

Come capire se si hanno problemi ai polmoni?

Ci sono dei fattori da tenere in considerazione nel momento in cui si avverte un disturbo, sia in generale sia, nello specifico, quando si parla di apparato respiratorio. In primo luogo, un campanello d’allarme può derivare dalla persistenza nel tempo del dolore.

Per riuscire a capire l’origine di una determinata condizioni clinica, ci sono dei sintomi associati alla sensazione di dolore, in presenza dei quali è possibile che una certa patologia riguardi l’apparato respiratorio.

Tra le manifestazioni sintomatologiche principali a cui prestare attenzione in questo caso avremo:

  • tosse
  • dispnea (mancanza di respiro)
  • febbre

La difficoltà a respirare è un sintomo piuttosto soggettivo per cui la capacità empatica del medico è molto importante, soprattutto in questi casi. Il suo compito, infatti, è quello di stabilire se la dispnea sia legata ad un oggettivo problema di salute o sia dovuta a problematiche di tipo psicologico (ad esempio un attacco di panico).

È chiaro che, di fronte a problematiche più complesse, non ci si può limitare ad una visita specialistica, ma sono necessarie analisi ed esami strumentali. In questi casi, sono d’obbligo

Questi esami sono utili a distinguere una patologia a carico dell’apparato respiratorio da una malattia cardiovascolare. Bisogna tener presente che, in alcuni casi, specialmente tra i soggetti più anziani, potrebbero essere presenti entrambi i tipi di patologie.

Un altro campanello d’allarme, infine, può essere la presenza di sangue nell’espettorato. In questa eventualità, bisogna rivolgersi tempestivamente al medico.

Prenota una visita di medicina generale

Fattori di rischio e principali patologie

Come per tutte le condizioni cliniche, anche nel caso dei problemi ai polmoni e dei disturbi respiratori in generale esistono fattori di rischio che possono aumentare la probabilità di sviluppare patologie.

Tra le principali cause che possono comportare problemi di tipo respiratorio, ci sono:

  • fumo (compreso quello passivo)
  • inquinamento (particolato, smog)
  • alcuni farmaci per l’ipertensione e le malattia cardiovascolari in generale
  • allergie
  • influenze stagionali (soprattutto in soggetti a rischio)

Anche un eccessivo consumo di latte e derivati può favorire la produzione di catarro.

Tra le principali patologie a carico dei polmoni, invece, abbiamo:

  • polmonite (infezione/infiammazione polmonare che può essere di natura batterica, virale o fungina)
  • embolia
  • infarto polmonare
  • pneumotorace spontaneo (aria nella pleura che può causare anche il collasso del polmone ed è riscontrabile con una radiografia)
  • pleurite di tipo secco (si manifesta comunemente con sensazione di dolore al torace)
  • broncopolmonite periferica (quando l’infiammazione si estende alla pleura)
  • tumore al polmone
2021-09-27T11:32:19+02:00 27 Settembre 2021|Categories: Salute|0 Commenti