Masturbazione femminile: basta con i tabù

//Masturbazione femminile: basta con i tabù

Masturbazione femminile: basta con i tabù

  • masturbazione donna

Si tratta di una pratica ancora troppo spesso relegata alla sfera dei tabù, ma che, oltre ad essere assolutamente legittima e naturale, può comportare benefici sia per la salute psichica che per quella fisica. Con l'aiuto delle dottoresse del Centro Medico Santagostino Paola Zucchi (psicologa e psicoterapeuta) ed Elisa Sipio (Ginecologa) proviamo a fare chiarezza

Il tabù sul piacere sessuale, inclusa la masturbazione femminile, è ancora estremamente diffuso.

L’immagine di una donna (di qualsiasi età) che si dedichi all’autoerotismo è ancora fortemente vincolata da stereotipi di “purezza” da salvaguardare e “integrità morale” da mantenere.

È fondamentale dire che masturbarsi non è un obbligo per nessuno e non deve esserlo. Tuttavia, è altrettanto importante legittimare questa pratica allentando le maglie rigide del giudizio culturale e della disinformazione, data dall’assenza di un’adeguata educazione sessuale.

Difficilmente si parla apertamente di piacere in termini positivi. Si tende a collegare questo concetto alla vergogna, come se implicitamente ci fosse “qualcosa di male” che non si conforma all’immagine della donna “perbene”.

La masturbazione femminile è tuttora quindi relegata all’ambito del non detto, che esiste ma non si dice.

Prenota un primo colloquio psicosessuologico

Come funziona la masturbazione della donna

La masturbazione femminile, così come quella maschile, non ha una modalità unica e tanto meno corretta di espressione.

Una buona possibilità è quella di approcciarsi all’autoerotismo cercando di conoscere la propria anatomia. Magari avvalendosi di uno specchio e approfondendo la conoscenza della fisiologia della risposta sessuale, cercando di esplorare i propri punti sensibili e le zone erogene. Primo tra tutti il clitoride, ma anche tutta la vulva fino, per chi volesse, all’interno della vagina.

Generalmente, tra le tecniche di masturbazione, il metodo più diffuso è la stimolazione clitoridea attraverso le dita delle mani. Questa pratica consente di scegliere l’intensità e il ritmo che più si adattano al proprio piacere. Esistono, poi, modalità indirette di stimolazione come:

  • il getto dell’acqua
  • un cuscino
  • oggetti che possono essere utilizzati per stimolare i genitali (avendo cura che siano congrui allo scopo)

A questo proposito, molto spesso, esistono preoccupazioni rispetto alla possibilità di “farsi male” nell’atto di autoerotismo. Risulta importante il buon senso e la cura dei propri genitali esattamente come per il resto del corpo. Se si sente male o la stimolazione risulta troppo intensa, sarà sufficiente rimodularla o cambiarla.

Anche l’igiene è fondamentale: se si utilizzano oggetti è bene che siano adeguatamente puliti (senza arrivare agli eccessi).

L’utilizzo dei “giocattoli sessuali”

Senza dubbio una possibilità di autoerotismo è rappresentata dai cosiddetti “Sex Toys”. Questi oggetti, infatti, sono appositamente realizzati per stimolare i genitali. Vi sono modelli molto diversi:

  • semplici
  • vibranti
  • destinati al clitoride, alla vagina o combinati

Questi prodotti possono essere utilizzati sia per pratiche autoerotiche, ma anche durante il rapporto con il proprio partner. Può essere utile vedere su internet quali modelli esistono e la loro descrizione per scegliere quello che può fare al caso proprio.

Anche in questa eventualità, sarà importante scegliere oggetti di qualità certificata per poter essere libere di esplorare il proprio piacere in sicurezza.

Può essere molto utile avvalersi di un lubrificante durante l’atto di masturbazione, sia in presenza di un sex toy che in assenza.

L’autoerotismo è un atto emotivo

È, inoltre, fondamentale ricordare che l’autoerotismo non è solo un atto meccanico, ma anche emotivo. Nella risposta sessuale, è importante essere serene, a proprio agio con quello che si sta facendo ed essere in contatto con il proprio desiderio sessuale. Rispetto a questo, è utile riferirsi ad un immaginario sessuale che si può costruire con fantasie mentali oppure prendendo spunto per esempio da film o letture erotiche.

La masturbazione femminile fa bene?

Masturbarsi abbiamo detto che non è necessario. Senza dubbio, però, diversi studi scientifici dimostrano che è un’attività che apporta dei benefici al nostro corpo e alla nostra mente.

Attraverso l’autoerotismo, è possibile in primo luogo conoscere il proprio corpo e la propria risposta sessuale. Questi elementi, infatti, non sono per nulla scontati e risultano preziosi, soprattutto quando ci si appresta a condividere la propria sessualità in coppia.

La risposta fisiologica del corpo che si eccita sessualmente e che trova compimento quando si raggiunge l’orgasmo comporta una serie di attivazioni a livello fisico. Queste, a loro volta, portano beneficio al corpo in quanto:

  • agiscono positivamente sul sistema cardiovascolare
  • sul sistema immunitario
  • addirittura sembrerebbero avere un impatto positivo sulla nostra memoria e sulla gestione dello stress

Da un punto di vista psicologico, inoltre, un buon rapporto con la propria sessualità è positivamente associato a maggiori livelli di autostima e di benessere relazionale.

Prenota una visita ginecologica

Perché sulla masturbazione femminile ci sono più tabù rispetto a quella maschile?

La masturbazione femminile è ancora oggetto di tabù, molto più di quella maschile. Questo può essere ricondotto alla presenza, tuttora molto forte, dello stigma legato al piacere e alla sessualità femminile.

Risulta davvero raro che si parli apertamente di piacere. Ed è ancora più difficile che lo si faccia in termini positivi. Di solito, il concetto di piacere è, anche inconsciamente, associato a quello di vergogna. È quasi come se, implicitamente, ci fosse qualcosa di male nel provare piacere, in particolare quando si parla di autoerotismo femminile. La ragione principale si trova, probabilmente, nel fatto che il piacere procurato in questo modo non si conforma all’immagine, costruita principalmente su luoghi comuni, di donna “perbene”.

Succede, quindi, che la masturbazione femminile sia relegata nell’ambito del non detto, con il risultato che tutti sanno che esiste, ma nessuno ha il coraggio di parlarne o confrontarsi apertamente al riguardo. Senza disagio e senza tabù.

2021-11-05T15:33:57+01:00 5 Novembre 2021|Categories: Donna|0 Commenti