Giornata mondiale per gli anziani: uguaglianza digitale per tutte le età

//Giornata mondiale per gli anziani: uguaglianza digitale per tutte le età

Giornata mondiale per gli anziani: uguaglianza digitale per tutte le età

Istituito dalle Nazioni Unite, l’evento si celebra ogni anno il 1° ottobre e ha lo scopo di sensibilizzare l’opinione pubblica sull’importanza dell’inclusione sociale a tutti i livelli della fascia della popolazione più avanti con gli anni

Ogni anno il 1° di ottobre si celebra in tutto il mondo una giornata internazionale dedicata alle persone anziane. L’evento è stato istituito dalle Nazioni Unite all’alba degli anni Novanta, allo scopo di sensibilizzare l’opinione pubblica sull’importanza dell’inclusione sociale a tutti i livelli della popolazione più avanti con gli anni. L’edizione di quest’anno, in particolare, dal titolo “Equità digitale per tutte le età” intende sottolineare la necessità che anche le persone anziane abbiano la possibilità di accedere e partecipare al mondo digitale.

La diseguaglianza digitale

La rapida innovazione digitale sta impattando significativamente su ogni aspetto della nostra società. Il progresso tecnologico ci permette di avvicinarci più velocemente al raggiungimento degli Obiettivi di Sviluppo Sostenibile (SDGs). Tuttavia, a fronte di ciò, ancora oggi circa il 50% della popolazione globale è off line, con una bilancia che pende nettamente a sfavore dei Paesi in via di sviluppo.

La diseguaglianza digitale, secondo gli ultimi dati forniti dall’Unione internazionale delle telecomunicazioni (Itu), riguarderebbe in misura maggiore le donne e le persone anziane, rispetto ad altre categorie della popolazione. I problemi sarebbero principalmente due: la difficoltà di accesso alle tecnologie o, in molti casi, l’impossibilità di beneficiare a pieno delle opportunità garantite dal progresso tecnologico.

I rischi del digital divide nella popolazione anziana

Proprio nella fascia di popolazione più coinvolta dalla diseguaglianza digitale, quale è quella anziana, i rischi correlati sono sempre più evidenti. Crimini informatici e disinformazione sono le principali minacce ai diritti, la privacy e la sicurezza delle persone anziane. In occasione della Giornata mondiale, il Segretario generale delle Nazioni Unite ha invitato le istituzioni internazionali a raccogliere la sfida del digital divide.  Lo ha fatto promuovendo azioni concrete sia per sfruttare a pieno le opportunità fornite dal processo di digitalizzazione sia per mitigarne i rischi.  In particolare, quelli a carico delle categorie più fragili della popolazione.

I numeri degli anziani in Italia

In Italia, secondo gli ultimi dati resi disponibili da Istat, le persone di età superiore ai 75 anni rappresenterebbero l’11,7% della popolazione, per un totale di oltre sette milioni di anziani. Per la maggioranza (60%) si tratta di donne, di cui quasi la metà vive da sola.

Stando al “Rapporto sul benessere equo e sostenibile” di Istat, nonostante la diffusione delle Ict sia aumentata significativamente tra le famiglie e gli individui nel 2020 (69,2% gli utenti regolari contro il 43,9% del 2010), restano ancora molto indietro gli anziani. Nella fascia di popolazione di età compresa tra i 65 e i 74 anni, gli utenti regolari rappresenterebbero il 44%. La percentuale scenderebbe al 12,9 % tra gli ultra settantacinquenni.

I dati sull’accessibilità sono quelli che più di tutti, probabilmente, rendono evidente la diseguaglianza digitale nel nostro Paese. Un terzo delle famiglie italiane, infatti, non disporrebbe di accesso a internet da casa e computer. La percentuale salirebbe drasticamente considerando le famiglie composte da soli anziani. Nel 70% dei casi, infatti, non potrebbero contare né su una connessione né su un pc.

Obiettivi dell’edizione 2021 della Giornata globale per gli anziani

Attraverso il proprio portale, le Nazioni Unite hanno stilato un programma per il prossimo futuro, in occasione della Giornata:

  • sensibilizzare le persone sull’importanza dell’inclusività digitale degli anziani affrontando stereotipi, pregiudizi e ogni forma di discriminazione
  • evidenziare le politiche per sfruttare al meglio le tecnologie digitale nell’ottica del raggiungimento degli obiettivi di sviluppo sostenibile
  • garantire la privacy e la sicurezza degli anziani nel mondo digitale

Foto di Sabine van Erp da Pixabay

2021-10-01T15:52:30+02:00 1 Ottobre 2021|Categories: Terza età|0 Commenti