Endomorfo: tutte le caratteristiche di questo somatotipo

//Endomorfo: tutte le caratteristiche di questo somatotipo

Endomorfo: tutte le caratteristiche di questo somatotipo

  • Endomorfo fisico

Una delle tre categorie somatotipiche, è caratterizzata dalla tendenza ad accumulare grasso viscerale e da un metabolismo lento

Il sistema del somatotipo nasce come metodo di classificazione di un soggetto partendo dalle sue caratteristiche fisiche. È per questo parte dell’antropometria, la scienza che si occupa del rilevamento dei caratteri umani sia quantitativi che qualitativi, attraverso la misurazione di determinate caratteristiche dimensionali e morfologiche del corpo.

Essa classifica i soggetti in base alle loro caratteristiche morfologiche e strutturali.

Le principali categorie somatotipiche sono tre:

  1. endomorfo
  2. ectomorfo
  3. mesomorfo.

Il primo a elaborare questa teoria e identificare le tre classi biotipiche fu lo psicologo e medico statunitense William Herbert Sheldon agli inizi degli anni Quaranta del Novecento.

In origine le caratteristiche fisiche dei somatotipi erano associate anche a specifiche peculiarità attitudinali.

Oggi, lo stato dell’arte della letteratura medica ha superato la teoria così come era stata concepita in origine, mantenendo solamente la parte che riguarda la composizione corporea degli individui e smentendo le associazioni psicoattitudinali.

Il sistema del somatotipo di Heath-Carter rimane ad oggi il modello in uso. Viene utilizzato come riferimento per determinare le caratteristiche antropometriche dei soggetti, ma anche con funzione selettiva, in base alle caratteristiche fisiche degli sportivi, per determinare le loro prestazioni atletiche

Con l’aiuto del dottor Andrea Fiantanese, biologo nutrizionista del Santagostino, proviamo a fare chiarezza sulla teoria dei somatotipi e, in particolare, sulla categoria degli endomorfi.

Prenota una visita nutrizionistica

Il somatotipo e la sua utilità soprattutto per gli sportivi

Prima di addentrarci nella descrizione dell’endomorfo e delle sue principali caratteristiche, è necessario fare una premessa. Benché le tre categorie, a livello teorico, siano chiaramente distinguibili e distinte, nella vita reale, difficilmente, un soggetto rientra in una sola di queste. Risulta più plausibile, invece, che abbia una prevalenza di certe caratteristiche fisiche piuttosto che altre.

A livello visivo il somatotipo, è stato traslato in forma grafica con il somatogramma, che rende più chiara la collocazione dei soggetti rispetto ai tre somatotipi. Il grafico consiste in una sorta di ghianda ai cui tre estremi si collocano i tre somatotipi.

Sul vertice alto si trova il mesomorfo, in basso l’endomorfo e l’ectomorfo. In base alle proprie peculiarità fisiche, una persona può ricadere in uno degli spazi all’interno della figura. Per ogni somatotipo viene assegnato un punteggio da 1 a 9 a seconda che il soggetto sia più o meno vicino alle caratteristiche di un certo somatotipo.

La collocazione somatotipica è molto utile, in particolare, per le persone che praticano sport. Questo perché fornisce molte informazioni sulle proprie attitudini atletiche e fisiche grazie alle quali è possibile impostare il programma di allenamento e la dieta migliori per raggiungere determinati obiettivi.

Per poter assegnare un punteggio, servendosi di specifici strumenti come calibro, nastro metrico e plicometro, è necessario effettuare alcune misurazioni sul soggetto quali:

  • peso
  • statura eretta
  • pliche tricipitale, sottoscapolare, sovraspinale, polpaccio mediale
  • circonferenza del braccio flesso e contratto e del polpaccio mediale
  • diametri ossei del gomito e del ginocchio

Quali sono le caratteristiche principali di un endomorfo?

Un soggetto con spiccate caratteristiche del somatotipo endomorfo ha tendenza ad accumulare massa grassa più facilmente rispetto agli altri somatotipi.

Le cause possono essere riscontrabili in fattori ambientali (alimentazione, attività lavorativa e fisica) e genetici (ad esempio metabolismo basale più lento o poca massa muscolare).

Alcuni studiosi sostengono che caratteristiche del somatotipo endomorfo rendono questi soggetti adatti a sport quali il sollevamento pesi ed alcuni sport di combattimento.

Oltre alla caratteristica di accumulare tessuto adiposo in sede addominale nei soggetti con forte componente endomorfica si manifesta:

  • una minore evidenza delle masse muscolari, in soggetti non allenati, rispetto all’mesomorfo
  • hanno una struttura corporea rotonda e compatta
  • massa corporea distribuita principalmente a livello delle gambe

Dieta e attività fisica di un endomorfo

Sulla base della valutazione dello stato nutrizionale e delle componenti del somatotipo della persona, si potranno impostare uno specifico programma di allenamento e il regime alimentare più idoneo a raggiungere determinati obiettivi. Un soggetto con forte componente del somatotipo endomorfo potrebbe trarre vantaggio da un programma di allenamento e da un regime alimentare impostato a ridurre la massa grassa. Un obiettivo che può essere raggiunto aumentando o mantenendo la massa magra e accrescendo il dispendio energetico attraverso diverse tipologie di attività fisica, a patto che siano praticate come parte integrante del proprio stile di vita (e in maniera costante)

Essendo la componente endomorfa quella più legata al contesto ambientale, si possono ottenere degli ottimi risultati, dal punto di vista della salute e del benessere, semplicemente lavorando sul proprio stile di vita.

2021-12-14T09:56:30+01:00 14 Dicembre 2021|Categories: Benessere|0 Commenti