Ectomorfo: cosa significa e quali sono le caratteristiche di questo somatotipo?

//Ectomorfo: cosa significa e quali sono le caratteristiche di questo somatotipo?

Ectomorfo: cosa significa e quali sono le caratteristiche di questo somatotipo?

  • Ectomorfo fisico

Si tratta di un somatotipo caratterizzato da un fisico asciutto e magro, gambe lunghe, spalle strette e sottili e un metabolismo veloce

L’ectomorfo è uno dei tre somatotipi teorizzati dallo psicologo e medico statunitense William Herbert Sheldon negli anni Quaranta del Novecento. Le sue teorie sono state riviste nel 1967 dagli statunitensi Barbara H. Heath e J.E. Lindsay Carter, già collaboratori di Sheldon, che rielaborarono i suoi concetti avvalendosi anche del contributo di Parnell e fondarono il metodo Heath-Carter attualmente in uso.

La teoria dei somatotipi è una branca dell’antropometria, ossia la scienza che studia la composizione corporea dell’essere umano. Se oggi la parte della teoria che associava determinate caratteristiche fisiche a specifiche peculiarità psicoattitudinali è stata smentita e superata, non si può dire lo stesso degli studi inerenti la struttura morfologica del corpo umano.

La letteratura medica ha ripreso e sviluppato quella parte e ancora oggi la teoria dei somatotipi viene utilizzata in particolare a beneficio di chi pratica attività sportiva e necessita di un indirizzamento al fine di raggiungere i propri obiettivi di performance.

Le componenti del somatotipo, in particolare quelle relative alla massa magra e massa grassa (valutabili tramite pliche e circonferenze) possono essere modificabili in seguito ad uno specifico programma di allenamento e un regime alimentare personalizzato sull’individuo.

In questo articolo proveremo a fare chiarezza, in particolare, sulla definizione di ectomorfo e sulle sue caratteristiche con l’aiuto del dottor Andrea Fiantanese, biologo nutrizionista del Santagostino.

Prenota una visita nutrizionistica

La collocazione nella somatocarta

Per stabilire la prevalenza somatotipica di un soggetto si assegna un punteggio da 1 a 9 per ciascuna componente del somatotipo. Il risultato corrisponderà ad una certa collocazione all’interno della somatocarta , – un grafico costituito da un insieme che presenta i tre somatotipi alle tre estremità- in alto mesomorfo e sui vertici bassi ectomorfo ed endomorfo.

Per stabilire il punteggio delle componenti somatotipiche, ci si può servire di strumenti di misurazione quali:

  • calibri
  • plicometri
  • nastri metrici

per misurare:

  • peso
  • statura eretta
  • pliche tricipitale, sottoscapolare, sovraspinale, polpaccio mediale
  • circonferenza del braccio flesso e contratto e del polpaccio mediale
  • diametri delle ossa del gomito e del ginocchio

Caratteristiche del somatotipo ectomorfo

Il somatotipo ectomorfo è caratterizzato da:

  • fisico magro
  • spalle strette e petto piatto
  • difficoltà nell’aumentare di peso

Le caratteristiche fisiche di un soggetto di questo tipo lo rendono idoneo alle pratiche sportive di endurance come la maratona.

Gli ectomorfi presentano generalmente basse percentuali di massa grassa e massa muscolare, struttura ossea esile e corporatura longilinea.

Dieta e attività fisica dell’ectomorfo

Per la predisposizione genetica ad una bassa massa sia muscolare che grassa, il soggetto con spiccate caratteristiche del somatotipo ectomorfo che vorrà aumentare il proprio dovrà adottare un regime alimentare e un programma di allenamento adeguati.

La difficoltà nell’aumento ponderale potrebbe significare programmi di allenamento più consistenti in termini di programmazione nel tempo e volume al fine di aumentare la massa magra e sviluppare la muscolatura, rispetto ad un soggetto con componenti del somatotipo mesomorfo più spiccate.

L’individuo dovrà impostare il proprio regime alimentare tenendo in considerazione:

  • tipologia e frequenza dell’attività praticata
  • valutazione dello stato nutrizionale

In un’ottica di un programma di allenamento volto ad aumentare la massa corporea ed in particolare quella magra, bisognerà considerare un apporto energetico superiore bilanciato nelle quantità di macro e micro-nutrienti specifiche per il soggetto.

2021-12-14T09:56:26+01:00 14 Dicembre 2021|Categories: Benessere|0 Commenti