Come stare attenti ai bambini in vacanza

//Come stare attenti ai bambini in vacanza

Come stare attenti ai bambini in vacanza

  • bambini in vacanza

Dai viaggi in auto a quelli in aereo, dai farmaci di primo soccorso alla protezione solare: tutti i consigli della pediatra per ferie serene con i nostri bambini, qualunque destinazione si scelga

Arriva l’estate, tempo di vacanza, un’importante occasione per avere più tempo libero, più momenti di vita nella natura e anche tempo prezioso da trascorrere insieme ai propri bambini per vivere nuove esperienze con loro. 

Finalmente un momento per rilassarsi, in cui però non si può mai abbassare la guardia, perché stare attenti ai bambini in vacanza è un impegno costante. Come fare allora? Ecco alcuni suggerimenti per affrontare i viaggi e stare in buona salute.

Come sopravvivere alle vacanze con i figli?

Andare in vacanza con i bambini è spesso fonte di stress e preoccupazione per i genitori, che devono preventivare una serie di situazioni a rischio e prepararsi ad affrontarle. 

Godersi le ferie e non sentirsi più stanchi di prima quando si torna a casa è però possibile, basta avere le giuste accortezze. Vediamo quali.

Bambini in vacanza: attenti ai viaggi in auto

Quando viaggiate in auto, fate attenzione all’uso dell’aria condizionata in modo da evitare eccessivi sbalzi di temperatura tra l’interno dell’auto e l’esterno.

È opportuno vestire i bambini a strati così da cambiare rapidamente l’abbigliamento in base alla temperatura cui ci si espone.

Inoltre, non bisogna dimenticare di portare sempre con sé acqua e alimenti semplici per spuntini leggeri e digeribili (frutta, cracker, grissini). Infine, è sicuramente utile avere a portata di mano anche libri o giocattoli che intrattengano i bambini.

Bambini al mare: come comportarsi?

Il clima del mare è molto benefico e stimolante, ma spesso è anche affaticante per i bambini. I genitori dovrebbero quindi evitare di portare i propri figli in spiaggia nelle ore più calde.

Durante il pomeriggio, invece, dedicare del tempo per il riposino dei più piccoli può essere un momento di pausa anche per i grandi che amano leggere o fare altre attività tranquille. Per quanto riguarda l’esposizione solare, una corretta esposizione al sole fa bene a tutti, poiché stimola la produzione di vitamina d.

Si consiglia infatti di fare un vero e proprio bagno solare (i piccoli possono farlo anche nudi) senza crema protettiva per dieci minuti alle prime ore del mattino. Nelle ore successive è opportuno mettere una crema con filtro alto e coprire la pelle con una maglietta bianca di leggero cotone, meglio se larga così da favorire la traspirazione. Non dimentichiamo poi di portare un cappellino e occhiali da sole per i nostri bambini.

In montagna con i bambini

La vacanza in montagna offre una grande opportunità di vivere tante esperienze alla scoperta della natura; in particolare i bambini già dai tre anni in su hanno la possibilità di fare lunghe passeggiate con i genitori. Queste possono essere anche una occasione educativa straordinaria per tutta la famiglia: la camminata mette alla prova il proprio corpo e si educa il bambino ad accettare la fatica per raggiungere un obiettivo.

È possibile fare escursioni anche fino ai 2000 metri, senza dimenticare di applicare la crema solare e di portare il cappellino e occhiali da sole soprattutto per i piccoli.

Bambini in aereo: cosa fare

I viaggi in aereo per i bambini sono possibili fin dalla più piccola età, non occorrono accorgimenti o precauzioni per le orecchie. Tuttavia è sempre utile avere a portata di mano snack salutari e leggeri e giochi: anche durante un volo i bambini devono essere impegnati in attività che li facciano restare concentrati e allontanino la noia.

Per i viaggi di lunga durata e per affrontare il jet lag chiedete consiglio al pediatra prima di partire.

Per stare attenti ai bambini in vacanza sono valide, in generale, le seguenti regole base di prevenzione: 

  • prima di partire fatevi consigliare dal pediatra un elenco di farmaci base di primo soccorso da avere sempre con voi così da non trovarvi in difficoltà;
  • chiedete al pediatra se è disponibile ad essere contattato telefonicamente in caso di vostra necessità;
  • informatevi del tipo di possibile assistenza sanitaria che troverete nel luogo dove vi recate;
  • se i vostri bambini praticano attività sportiva, preoccupatevi che bevano sempre a sufficienza per reintegrare le perdite di liquidi che avvengono con il sudore.
2022-09-16T12:33:10+02:00 29 Giugno 2018|Categories: Famiglia|0 Commenti